26 Maggio 2022

A dieci anni dal terremoto in Emilia Romagna

Il 20 e 29 maggio 2012, forti scosse di terremoto colpirono l'Emilia Romagna e alcuni territori limitrofi di Lombardia e Veneto. Il bilancio: 28 morti, 300 feriti e 45.000 sfollati. L'impegno della Caritas per sostenere la popolazione

Domenica 20 maggio 2012 alle 4.03, una scossa di terremoto di 5,9 gradi Richter colpì l’Emilia-Romagna con epicentro a Finale Emilia (MO). Una seconda scossa avvenne martedì 29 maggio, con epicentro in questo caso tra Mirandola, Cavezzo, Medolla, e San Felice sul Panaro. Colpiti anche i territori limitrofi di Mantova (Lombardia) e Rovigo (Veneto).  Alla fine, il bilancio sarà di 28 morti, 300 feriti e 45.000 sfollati.

Caritas Italiana, insieme alla sua rete, si attivò subito a sostegno della popolazione colpita, anche grazie ai 3 milioni di euro stanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana in fase di emergenza, che consentirono risposte ai bisogni immediati e l’attivazione di significative esperienze di gemellaggi. Complessivamente furono raccolte offerte per 10,7 milioni di euro, con i quali già a due anni di distanza dal sisma, Caritas Italiana ha potuto realizzare:

:: numerosi interventi di emergenza, primo aiuto e soccorso;
:: 20 strutture polifunzionali (tra cui 18 Centri di comunità);
:: 12 interventi di ricostruzione;
:: 17 progetti di animazione e promozione socio economica.

Sin dai primi giorni successivi al sisma le Caritas diocesane dell’Emilia Romagna hanno ricevuto numerosissime offerte di disponibilità a svolgere periodi di volontariato nelle zone terremotate da parte di persone di ogni età e professione. Volontari provenienti da tutta l’Italia si sono alternati nei turni organizzati dal Coordinamento regionale della Delegazione delle Caritas diocesane dell’Emilia Romagna, tramite l’esperienza dei gemellaggi tra le Regioni ecclesiastiche Italiane e le Diocesi colpite dal sisma. Coinvolte 185 parrocchie e 17 zone pastorali.

Pierluigi Dovis, Delegato regionale delle Caritas del Piemonte-Valle d’Aosta nel 2012, ricorda l’impegno Caritas di vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite attraverso i gemellaggi
La testimonianza della comunità di Medolla, diocesi di Modena-Nonantola

Aggiornato il 29/05/22 alle ore 21:45